carlo prati

NUOVO DISEGNO DI ARCHITETTURA ITALIANO. LA CENTRALITÀ RITROVATA.

In ARCHITETTURA, RICERCA, SCRITTI on 13 dicembre 2018 at 11:37 am


Si è tenuto presso il Macro Asilo di Roma dal 28 al 30 Novembre 2018 il convegno a mia cura “Nuovo disegno di architettura italiano. La centralità ritrovata”. Realizzato grazie al patrocinio del Dipartimento di Architettura di Roma Tre il simposio ha visto la partecipazione di oltre quaranta architetti italiani che hanno presentato le loro ricerche nel corso di tre intense giornate di lavoro, le prime due dedicate ai più autorevoli esponenti della nostra cultura del progetto e della costruzione e la terza impegnata a scandagliare l’attualità ed il prossimo futuro presentando per la prima volta in modo composito e strutturato le nuove generazioni di progettisti italiani.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pubblico a seguire il mio discorso di apertura rivolto a chiarificare i principali motivi ispiratori di questa iniziativa.

LA CENTRALITÀ RITROVATA / Auditorium MACRO Mercoledì 28 Novembre 2018

Vorrei aprire il mio intervento con una domanda necessaria quanto utile:

C’era bisogno di organizzare questo Convegno?

È una domanda importante perché chiarifica il modo in cui interpretiamo il nostro essere individui nel quadro di una più ampia dimensione collettiva e condivisa. È una domanda importante perché a seconda della risposta che forniamo sveliamo a noi stessi e agli altri l’importanza che diamo oggi alla cultura ed alla produzione di pensiero teorico. Dunque serve o non serve oggi la riflessione teorica? Serve o non serve organizzare un simposio ed una occasione di confronto critico?

Bhè, a giudicare dalle testimonianze che ho avuto modo di ricevere e raccogliere in forma ufficiale o ufficiosa nei giorni scorsi, sia in forma privata che in forma pubblica attraverso lettere o post sui social direi senz’altro di sì, c’era senz’altro bisogno di organizzare questo convegno e c’era bisogno di farsi carico di creare un occasione reale, in una sede autorevole quale questa, all’interno della quale incontrarsi per ascoltare e condividere il nostro pensiero e le nostre ricerche. Per chiarire la nostra posizione ed il nostro ruolo di architetti e progettisti nel quadro di un mondo sia professionale che politico in continuo cambiamento, un mondo investito da una radicale ridefinizione dei paradigmi sociali, disciplinari e antropologici.

Annunci

IL DISEGNO DELL’AUTONOMIA / TAVOLI DI DISCUSSIONE

In ARCHITETTURA, RICERCA, SCRITTI on 17 maggio 2018 at 12:56 pm

Le presentazioni del libro Il disegno dell’autonomia sono pensate come dispositivi critici attraverso cui riflettere programmaticamente sul ruolo attuale e sulle prospettive future del disegno di architettura in Italia nell’ottica di un ricollocamento della nostra cultura del progetto nel quadro del panorama internazionale e secondo un principio di rinnovata centralità.
Da Nord a Sud attraverso la penisola si intende raccogliere le voci di quella che nel testo si individua quale nuova scuola italiana del disegno di architettura che si costruisce attraverso la coesistenza e l’attività di tre generazioni oggi operanti nel campo della rappresentazione.

Tavolo di discussione #3 / Roma.  Giovedì 13 Settembre 2018
MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo (Zaha Hadid 2010)
Sala Graziella Lonardi Buontempo – ingresso libero fino a esaurimento posti

introduce Elena Tinacci MAXXI Architettura
Marcello Carpino, Davide Masserini, Luigi Savio. (ab)Normal
Luca Galofaro. Università di Camerino
Robocoop. progetto di ricerca artistica, urbana e architettonica
Davide Trabucco. artist

on line:.. http://www.maxxi.art/events/il-disegno-dellautonomia-di-carlo-prati/

 

Next / Tavolo di discussione #4 / Roma. Martedì 23 Ottobre 2018
Macro Asilo / Museo Macro / Museo d’Arte Contemporanea di Roma (Odile Decq 2010)
Carmelo Baglivo, Valerio Palmieri, GruppoTorto, WAR

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tavolo di discussione #2 / Genova. Mercoledì 23 Maggio 2018
Museo di Sant’Agostino -Sala conferenze (Albini-Helg-Piva 1977-1992)
Nicola Lunardi (Gosplan), Gabriele Molfetta (Linearama), Enrico Molteni (Liverani-Molteni), Alessandro Perotta (Pia), Vittorio Pizzigoni (DAD-Università di Genova), Fabrizio Polimone (UNO8A), Valter Scelsi (DAD-Università di Genova)

IL DISEGNO DELL’AUTONOMIA

In ARCHITETTURA, RICERCA, SCRITTI on 4 maggio 2018 at 3:51 pm

 

IL DISEGNO DELL’AUTONOMIA
di Carlo Prati

Casa Editrice Libria
Aprile 2018
collana Mosaico

Oggi il disegno di architettura italiano gode di uno stato di rinnovata vitalità e può rappresentare il veicolo attraverso cui riposizionare la nostra cultura del progetto nel quadro del dibattito internazionale. Negli ultimi cinquant’anni essa ha seguito una parabola discendente, insieme alla capacità penetrativa che aveva assunto nel tempo al di fuori dell’Italia costituendo un riferimento per tanta parte delle generazioni di professionisti e studiosi nati nel primo dopoguerra. Questo libro ha un duplice obbiettivo da un lato attraverso il testo stabilire una linea di continuità tra ricerche passate, presenti e future e, dall’altro, attraverso le immagini dell’autore affermare l’autonomia del disegno visto quale campo di ricerca in grado di assolvere in sé stesso il complesso dei problemi disciplinari primari, compositivi, poetici e progettuali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tavoli di discussione
Le presentazioni del libro sono interpretate quali dispositivi di dialogo per evitare il dissolversi di questa esperienza che oggi si qualifica come “latenza” dell’architettura italiana, è l’acquisizione di una consapevolezza non effimera, di un orizzonte più ampio e a lungo termine non più circoscritto all’autoreferenziale ricerca di un istantaneo consenso e consumo da social network
https://alienlog.wordpress.com/2018/05/17/il-disegno-dellautonomia-tavoli-di-discussione/

 

Carlo Prati è autore di Cinque architetture svizzere (Libria 2016), Alien Urbs (Prospettive 2013), Upgrade Architecture (Edilstampa 2010), Jean Nouvel (Edilstampa 2007). Insegna presso l’Università degli studi Roma Tre, l’Università degli studi di Genova e lo IED di Roma.