carlo prati

Appunti dalla lettura del libro

In ARCHITETTURA, RICERCA on 4 ottobre 2016 at 7:57 am

di Valter Scelsi

scelsi-1

Cavallo di Troia Raoul Lefèvre, Recoeil des histoires de Troyes, Bruges o Gand ca. 1495 BnF, Français 22552, fol. 277V

Nel cuore del secolo della psicoanalisi, il 900, Georg Groddek, affermando che l’uomo possiede la parola per nascondere i propri pensieri, concludeva che il linguaggio è incapace di dare espressione alle nostre riflessioni più preziose e profonde. Ciò perchè il pensiero originario dell’uomo è muto, sotterraneo, inconscio. La muta interiorità, quindi, vista come ciò che è autenticamente umano. Ma la forza che determina la forma, egli dice, è ciò che dimostra la sostanza dell’uomo (“il valore”, dice lui);

E’ nell’essenza del linguaggio essere impreciso, travisare, anzi, è proprio nell’essenza umana. Mentre queste emersioni parziali di un pensiero inconscio, groddekianamente inteso, perfettamente chiuso in sé stesso, invisibile agli altri (così lo crediamo, almeno), possono essere definite “la nostra ispirazione”, qualcosa che ci venga riconosciuta come un’autentica e originale forma di produzione, il riflesso di uno splendore intimo.

Naturalmente in esse il significato, come tutti i significati, non è completamente condivisibile, e ciò ci sostiene ulteriormente, così come ci conforta l’ineffabilità di queste tracce emergenti dalla memoria, l’impossibilità di definirle e, quindi, di associarle a parole che ne diventino parte costitutiva travisandole e trascinandole con sé, magari lontano, lontano anche da noi.

Incatenati nei limiti del linguaggio, gran parte della vita la impegnamo nello sforzo di provare noi stessi al mondo.

Così, sottoponendosi anch’egli a questa prova, Carlo Prati istituisce un indice degli «elementi primari» attraverso i quali operare il racconto delle cinque architetture scelte.

L’architettura è un sistema composto di segni «e, come tale, può essere organizzata, almeno parzialmente, come altre strutture linguistiche» (era quello che scriveva, nel 1959, Dorfles), ma è anche quel sistema linguistico al quale si tende a reagire ricercando, come fa Dorfles, un quid formale, che egli definisce “gestaltema”, capace di esprimersi anche solo mediante il proprio aspetto formale-configurazionale.

Tuttavia, in queste emersioni dell’inconscio, o meglio, del subconscio, che citavamo prima non arriviamo mai compiutamente ad afferrare la forma. Così, mancando μορφή, tutto si riconduce a un valore simbolico che previene l’oggetto, quello di un suono indistinto che proviene dalla foresta sensoriale, un suono che non è forma, appunto, ma promessa di forma, in una dimensione ancora linguistica, la stessa che ci fa credere, a volte, che l’architettura possa essere una condotta umana che non prevede l’inserimento di una significazione concettuale (l’azione per la quale città e architettura vanno spiegate) che si interponga tra sè e gli abitanti.

Cinque architetture svizzere. Convegno e presentazione

In ARCHITETTURA, RICERCA, SCRITTI on 9 settembre 2016 at 4:22 pm

locandina

Presentazione del volume “Cinque architetture svizzere. Progetto, inconscio, natura” di Carlo Prati (Casa Editrice Libria, Melfi 2016). Il saggio guarda all’architettura non soltanto come ad una disciplina tecnico scientifica ma piuttosto e soprattutto come ad un’arte che racchiude in sé una molteplicità di aspetti e significati simbolici.

14358795_1110234542346015_5320727615386543834_n

Il convegno del 21 Settembre presso la Casa dell’Architettura

Stabilire un interazione ed un dialogo operante tra architettura svizzera ed architettura italiana è l’obbiettivo peculiare di questa iniziativa. Il convegno intende mettere in luce, attraverso la chiave di lettura proposta dal saggio presentato, lo speciale rapporto che entrambe le realtà stabiliscono con la composizione architettonica e la natura intesa in modo duplice sia come paesaggio esteriore che interiore.

Gli ospiti del convegno: Jacques Gubler, Franco Purini, Nicola Braghieri, Gianni Celestini, Cherubino Gambardella, Valter Scelsi

14429609_1110954668940669_1290826130_n

Convegno a cura di Libria Edizioni http://www.librianet.it/index.php

Cinque architetture svizzere. In libreria.

In ARCHITETTURA, RICERCA, SCRITTI on 8 giugno 2016 at 4:53 pm

Copertina
«Caro Prati.
Oggi Primo Maggio!
Una bella domenica di pioggia (almeno a Basilea, non a Sotchi),
una giornata buia, ideale per leggere la storia di Enea.
Sono rimasto però sotto la luce del tuo grande piccolo libro.»
Jacques Gubler

Booklook-Web

“Io non faccio differenza tra il costruire nella natura, nella campagna o in città. Alľinizio di un progetto voglio essere aperto, non voglio pormi dei vincoli prestabiliti.
Posso trovare nella città dei luoghi che sono molto intimi, dove cerco di proteggermi dal chiasso, di chiudermi, oppure, luoghi in cui cerco di aprirmi (…) spesso infatti si dice di noi architetti dei Grigioni che siamo gli “architetti della montagna”.
Noi, in questo caso, rispondiamo sempre: no!”
Valentin Bearth

cp-tavoladeisimboli_1

Indice degli elementi primari. Simboli.

 

Carlo Prati.
Cinque architetture svizzere.
Progetto, inconscio, natura.

Prefazione di Jacques Gubler
con un intervista a Valentin Bearth

Anno di pubblicazione: 2016
Edizioni: Libria
Collana: Mosaico
Caratteristiche: formato 15×21, pp.144
Prezzo: € 16.00
ISBN: 978 88 6764 078 2

Acquista on line / amazon / Ibs / Feltrinelli

Ogni grande creatore ha la capacità di far affiorare determinati simboli, di svelarli a se stesso ed al mondo (che è poi la medesima cosa), di renderli determinanti per comprendere ed interpretare il prodotto della sua creazione. Portare alla luce questi simboli, risulta di cruciale importanza; svelarli, equivale a soppesarne il peso nel