carlo prati

Hogre & Alienlog //// QOS gadget

In ARTE on 19 maggio 2011 at 12:55 pm


In occasione dell’incontro QOS V° Hogre realizza uno stencil ready to go e una locandina-depliant formato A3 con testo a corredo di Alienlog. Il tutto a disposizione dei partecipanti fino a esaurimento scorte.
Hogre: art / Alienlog:text

The Insighter’s©

“Visione” urbana: oh magnifica e sensuale utopia!

Quale dolce incanto sperimentiamo contemplando queste “immagini”?

Profezie? Rilasci cosmici provenienti da altre galassie?

A quali meandri cerebrali attingono?

Sono il gingillo di beffardi perdigiorno,oppure messaggi mistici e misteriosi?

Sono senz’altro segnali provenienti da un mondo futuro.

Gli alfabeti imperscrutabili di tribù aliene nomadi, in esodo: di galassia in galassia.

Qualsiasi sia il sistema stellare dal quale provengono questi “sciamani” della prospettiva, questi droni del cut’up visivo sono una razza droide interconnessa e comunicante. Accorpano famiglie di segni significanti, li condividono e esplodono. Immagini straordinarie.

Che ci colpiscono e emozionano. Contatto stabilito: innalzamento del livello neuronale attivato, sinapsi che si azionano e fanno rotta verso settori della mente sino ad ora inutilizzati.

Paesaggisti dell’anima che non riproducono semplicemente scenari: li modificano, li torturano, li sottopongono a trasformazioni radicali.

Come un campione di tessuto di “lavoro in pelle” di tipo Nexus6 quando lo riguardi attraverso il microscopio e l’iride ti si dilata per tanta meraviglia e stupore.

L’ologramma che il giovane Jedy raccoglie da un droide D3C8 è una mappa mentale di nature collassate in metropoli decò sconvolte da tempeste di raggi Beta balenati nel buio in una fredda notte terrestre. Non sono semplici intuizioni, impressioni spontanee, sono eventi possibili raccolti da viaggiatori siderali.

A cavallo di un tempo sospeso, liquido. Qui si intuisce in modo immediato, improvviso, per Insight: si è colpiti estemporaneamente da “visioni interne”, potenti quanto fugaci: Insight Images: captare trasmissioni che non necessitano di suoni, idiomi. Sono il nuovo “esperanto”, l’atteso lessico stellare, l’idioma cosmico.

Fotogrammi allucinanti di pellicole in standby: “28 Days Later”, “The day after tomorrow”, “District 9” o “The Road”. Sono i capolavori degli Insighters, benefici emissari dell’oltre-spazio : Lebbeus Woods, Jean Giraud, Giacomo Costa, Filip Dujardin, Fulvio Bonavia, Franco Brambilla, Sten & Lex, Hogre, e chissà quanti altri ancora, ancora, e ancora…

Stencil ready to go per QOS / Quasar Outer-space


more info /// http://www.istitutoquasar.com/storiconotizie/eventi/416-qos-19-maggio-2011-lecture-di-hogre-streetart.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: