carlo prati

Archive for gennaio 2015|Monthly archive page

Distopia Romana

In ARCHITETTURA, ARTE, SCRITTI on 22 gennaio 2015 at 5:05 pm

Roma è una città interrotta. Molteplici i futuri  che si avvicendano nel suo passato. Ogni parte di questo immenso corpo urbano custodisce “in potenza” i semi di un divenire gravido di possibilità e fascino. Roma complessa e contraddittoria, crogiuolo di sacralità e archetipi immanenti. Roma come Terra santa, terreno fertile, humus perchè luogo dell’umiltà, del supplizio e della realizzazione, in sincro, stereometrica visione. Città verticale mai edificata ma sempre accennata, suggerita, sottintesa, frammenti e ruderi del fascismo che delimitano oggi flussi di lamiera e polveri sottili. Travertino e mattone, muscoli ed epidermidi retoriche fatte di arenaria e argille che si arrampicano su scheletri di laterizio e acciaio. Putrelle che si pieghano a formare nuvole che sono giocoforza ancorate al suolo, sogni, proiezioni di desideri collettivi che svaporano come neve al sole. Città Martire, un San Sebastiano sanguinante, vittima di una duplicità esorbitante, una città seduta sulla soglia di due mondi, realtà e immanenza, architettura del silenzio, margine e confine. Giano. Eppure in questo mosaico complesso e impermanente che è la città che abito, vivo, trasmutato in architettura, il paradigma esistenziale tutto. Il mistero indecrittabile ma intuito e penetrabile. Puer Aeternus. Città Eterna. Città Puer.

Alienlogbamiyanpalatino
Qui dunque sono sempre stati i Buddha  di Bamiyan, qui, alle pendici del Palatino. Anche quando Romolo traccio il solco simbolico del quadrilatero sacro che poi chiamammo Roma.
Religioni che si incontrano e prosperano, cerniera tra oriente e occidente, circolo massimo di pace e sospensione. Rifugio in tempi così oscuri e incerti. Miracolo aeterno. Alla furia, alla cecità non è concesso agire.

AlienlogSkyScraper-Rome_web

il Tridente è il numero che diviene forma pianificata, città numerica e ripartita nell’ordine matematico. Roma ripete il tre in molti luoghi, tra questi vi è la confluenza di Largo Santa Susanna, che appunto è territorio unicamente “largo” cioè privo di forma definita o di un idea che lo possa legare alla memoria collettiva. Un insipida meta transuente. Eppure qui si percepisce il senso di una presenza mai formalizzata, una forma che esiste come possibilità, come utopia. Il primo doppio-grattacielo della Roma fascista è in Santa Susanna, visibile a fronte di una energica stropicciata d’occhi e solo in particolari condizioni atmosferiche ed esistenziali.

alienlog_nEurla42

Incompiuto è solo ciò che non possiamo contemplare finito nel corso della nostra vita. Di fatto, per noi di ora, incompiuta e tutta l’architettura di Roma. Tra le nuove Zone Temporaneamente Autonome della città l’EUR è senz’altro la più rappresentativa. In questo quadrante orientato al mare e alla salsedine le rovine del moderno e i monumenti del contemporaneo cercano con fatica di darsi una forma ed un identità da riverberare nel domani. Le torri di Cesare Ligini sono state scarificate, come il fauno Marsyas, esponendo la struttura a intemperie e pitture rupestri metropolitane. Il centro congressi di Massimiliamo Fuksas, moderna Piramide o Colosseo, attende la conclusione tra mille avversità e polemiche. Vi è poi un Acquario che sembra debba sorgere da un eterno cantiere che estate dopo estate flagella i romani che cercano il litorale come estremo rimedio alla calura e all’afa. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

“Babbacombe” Lee

In ARTE on 19 gennaio 2015 at 11:40 am

Alinlog_BabbacombeLee_2015

Titolo: “Babbacombe” Lee
Anno: 2015
Tecnica: Acrilico su tela
Dimensione: 60 x 30 cm